080 Events & Solutions
Facebook

Social Box
Facebook You Tube Twitter

Videogallery

Swatch FIVB - World Tour 2010



Photogallery Photogallery

Swatch FIVB - World Tour 2010
Roma, 17/05/2010 - 23/05/2010

Si è concluso ieri sera alla presenza del Presidente del CONI Giovanni Petrucci e di quello della FIPAV Carlo Magri, lo Swatch FIVB World Tour 2010 - Foro Italico Grand Slam, torneo che ha visto scendere in campo le migliori coppie del mondo di beach volley e che ha avuto come grandi protagonisti gli atleti statunitensi. Sia nel tabellone femminile che in quello maschile, infatti, si sono imposte due formazioni a stelle e strisce: le iridate Jennifer Kessy ed April Ross tra le donne - al nono World Tour conquistato - e gli olimpionici Todd Roger e Phil Dalhauser in quello maschile. Le beacher californiane hanno sconfitto per 2 a 0 (21-18, 21-17) le tedesche Sara Goller e Laura Ludwig al termine di un match equilibrato solo nel primo set. Per le statunitensi si è trattato del secondo successo consecutivo dopo la vittoria a Shanghai. Grande la soddisfazione delle beacher statunitensi al loro secondo successo consecutivo dopo il sigillo di Shanghai: “Abbiamo conquistato il match con un servizio ad effetto e siamo riuscite ad ottenere quello che ci eravamo prefissate, metterle in difficoltà in ricezione. Siamo molto contente e puntiamo a ritornare a Roma in occasione del mondiale con l’obiettivo di risalire sul gradino più alto del podio”. Onorevole, comunque, la prestazione delle due atlete di Amburgo alla loro seconda piazza d’onore stagionale dopo quella ottenuta a Brasilia: “E’ stato un torneo molto bello nonostante la sconfitta, la venue e la città ci hanno entusiasmato. Da domani penseremo alla prossima tappa per migliorarci ancora”. Terzo posto per le brasiliane Maria Elisa Mendes Ticon Antonelli e Talita Antunes da Rocha vincitrici per 2 a 0 (21-15, 21-19) sulle statunitensi Nicole Branagh e Misty May-Treanor, quest’ultima olimpionica a Pechino nel 2008. Nel tabellone maschile ad imporsi sono stati Rogers Dalhausser e Todd Rogers che hanno superato con il punteggio di 2 a 0 (23-21, 21-11) i brasiliani Alison Cerutti ed Emanuel Rego. Protagonista del match Phil Dalhausser che con ben quattro muri vincenti, è riuscito a ribaltare l’inerzia della prima frazione. Nella seconda, invece, gli atleti a stelle e strisce hanno dominato chiudendo con un vantaggio di ben dieci lunghezze. Seconda vittoria stagionale per la coppia vincitrice, già a segno a Brasilia: “Siamo felicissimi di aver vinto qui a Roma, in una delle tappe più spettacolari del tour. Quanto alla partita, direi che loro hanno sofferto la nostra battuta corta. Siamo riusciti a mettere in pratica ciò che ci eravamo prefissati e grazie a questo abbiamo portato a casa la vittoria”. Delusione a fine gara, di contro, per il duo verdeoro lungamente applaudito dagli spettatori che affollavano le tribune del “Pietrangeli”: “Abbiamo dato il meglio di noi stessi davanti ad un pubblico che ci ha sempre sostenuti, peccato, ci riproveremo il prossimo anno.” L’ultima doppietta per i colori americani - successo nella prova maschile e femminile, ndr - risale allo scorso luglio nel Grand Slam diMarsiglia dove ad imporsi furono le stesse coppie protagoniste del successo capitolino. Terzo posto, infine, per gli spagnoli Adrian Gavira Collado e Pablo Herrera Allepuz impostisi per 2 a 0 (21-17, 21-17) sui campioni del mondo Julius Brink e Jonas Reckermann. Č stata un’intensa settimana di gare: 144 i match giocati da atleti provenienti da 35 Paesi differenti, una manifestazione dall’alto tasso tecnico che non ha tradito le aspettative della vigilia, basti pensare che sia nelle semifinali femminili che in quelle maschili erano presenti tre campioni olimpici e due coppie iridate.Numeri importanti per una manifestazione ospitata per la prima volta nel nostro Paese e che testimoniano l’interesse nei confronti del torneo capitolino, primo dei sei Grand Slam in programma in questa stagione 2010 e che ha rappresentato la prova generale dei Campionati del Mondo in programma nel mese di giugno del prossimo anno.

Fonte: www.beachvolleyroma.com

<< Indietro